Venerdì 11 settembre 2009,il Giardino degli Angeli è stato premiato a Padova con una menzione speciale nell'ambito del concorso nazionale "La città per il verde", giunto alla sua decima edizione.
In questo concorso vengono premiati i più bei giardini pubblici di tutta Italia e nell'albo d'oro figurano città importanti o realtà più piccole ma suggestive.
Nella categoria che racchiude i comuni da 15.000 a 50.000 abitanti e che vedeva in lizza tante città, la qualificata giuria nazionale del premio, ha voluto riconoscere al nostro Giardino una menzione speciale, con la seguente motivazione.
Lo spirito che ci ha mosso a realizzare il Giardino degli Angeli era ben altro: non pensavamo minimamente nè speravamo di ricevere premi o riconoscimenti ufficiali: il nostro obiettivo era semplicemente riuscire a costruire qualcosa di bello, qualcosa che sarebbe piaciuto a Sara per dedicarlo a Lei e a tutti gli altri Figli che ci hanno lasciato troppo presto.
Questo riconoscimento ci fa molto piacere, così come ci fanno piacere i continui attestati di stima che troviamo sul libro dei visitatori e sul sito, o i complimenti che ci fanno tante persone che incontriamo al giardino.
Tutto ciò non fa altro che rafforzare la determinazione dei volontari a mantenere sempre al massimo il Giardino e a impegnarsi a far si che, attraverso il Giardino stesso, si possano aiutare concretamente tanti bambini che hanno bisogno di noi!
Grazie

foto-655.jpg
foto-656.jpg
Carissimi Antonella e Valerio, io e mio marito Alessandro eravamo al giardino in occasione del raduno di Ciao Lapo...era la nostra prima volta.Era il nostro primo figlio,Diego è il suo nome... Nonostante la giornata fredda, piovosa e grigia appena abbiamo messo piede in questo meraviglioso giardino, ho subito percepito il senso di un riparo,di un rifugio, di un tetto di vetro che mi proteggeva...ho sentito il calore di quella terra, la vita che pulsava, l'abbraccio di una mamma, di un papà....quelle piante curate con amore e dedizione mi sembravano sorridermi e darmi coraggio, la musica che mi accompagnava sembrava parte integrante di quel disegno, che non se ne potesse fare a meno, il ruscello per dissetarsi,l'orto x rifocillarsi, la panchina x riprendere il fiato...spesso questa vita ce lo toglie....ma sono riuscita a riossigenarmi...a fare pace con me stessa ed il mondo...x mio figlio Diego, x Sara,x tutte le nostre creature che ci hanno lasciato troppo presto....per noi tutti... mi sono persa tra ciocche del salice...ho toccato il cielo sull'altalena...era tutto vero...era tutto speciale...come l'abbraccio che spontaneamente ci siamo dati, mi ha spinto l'amore che avete saputo riflettermi, mi avete baciato il cuore...quel bacio era sara e tutto l'amore che le avete trasmesso...grazie....infinite grazie, tornero' presto a trovarvi....Elisa
-- ELISA URSO (ely76 C.L.)