Bacche-SYMPHORICARPOS-ORBICULATUS.jpg
Nome latino: 
Symphoricarpos
Famiglia: 
Caprifoliaceae
Caratteristiche generali: 

Arbusto a foglie caduche, originario dell'America settentrionale e della Cina, che può raggiungere i due metri di altezza.
Ha portamento eretto e sviluppa ramificazioni dense e ampie, i fusti sono teneri e arcuati; le foglie sono lunghe 1.5–5 cm, arrotondate, bilobate alla base ovali, di colore verde scuro; la corteccia è grigio-brunastra, più chiara nei rami giovani.
All'inizio dell'estate produce, all'ascella fogliare, piccoli fiorellini bianco-verdastri, raccolti in piccoli grappoli di 5–15 esemplari che a fine estate lasceranno il posto a decorative bacche tondeggianti di 1–2 cm di diametro, soffici, viarianti dal bianco (S. albus) al rosa (S. microphyllus) al rosso (S. orbiculatus) sino al viola-nero (S. sinesi) che rimangono sulla pianta per diverse settimane.
La moltiplicazione avviene per seme, anche se più spesso avviene per talea o per divisione dei rizomi, così come spesso si procede all'asportazione dei succhioni ed alla conseguente radicazione in contenitori.

Nel Giardino degli Angeli si trovano le seguenti varietà:
Symphoricarpos Albus dalle bacche bianche
Symphoricarpos Orbiculatus dalle bacche rosa-rosse

Coltivazione: 

Predilige posizioni soleggiate, o a mezz'ombra; non teme il freddo. Per ottenere uno sviluppo armonico è bene ricordarsi di tagliare i numerosi polloni che crescono alla base del fusto, anche come succhioni lungo le radici, si  può migliorare l’aspetto poco ordinato con una leggera potatura, alla fine dell’inverno, che pareggia  i rametti.
Questo arbusto ama i terreni sciolti, ricchi e ben drenati, preferibilmente umidi; si adatta però alla gran parte dei terreni da giardino
Si tratta di una delle piante arbustive più adattabili e per migliorare ulteriormente la sua proverbiale resistenza è sufficiente spargere ai suoi piedi una buona dose di pacciamante, come humus o composto. Inoltre tollera bene il calcare e l’inquinamento dimostrandosi pianta ideale per le aiuole cittadine.
 

Malattie Parassiti Avversità: 

In luoghi poco ventilati questo arbusto può venire attaccato dalla cocciniglia; talvolta viene le foglie vengono colpite da ticchiolatura.

Proprietà terapeutiche: 

La pianta ha alcune proprietà officinali .
La parte tossica sono i frutti, le bacche contengono infatti isochinolina, alcaloidi, chelidonina, ed altre tipologie di alcaloidi; le bacche bianche in particolare sono tossiche.
L'intossicazione può avvenire per ingestione.
Per ingestione i sintomi che si possono riscontrare sono nausea,vomito,diarrea,delirio, allucinazioni,ansia.
 

Curiosità: 

I frutti del Symphoricarpos rappresentano un cibo invernale per numerose specie animali  per i quali non sono tossici durante. 'ingestione dei frutti può causare vomito e malessere generale.
Il nome caratteristico di "snowberry" è dovuto al fatto che una volta aperto, il frutto appare internamente come composto di una miriade di granelli di neve.
 

Zone del Giardino in cui si trova: 
Stamattina ho visitato il giardino, sono rimasta così commossa e colpita da tanto amore, amore che si respira nell'aria, ho ancora adesso un turninio di sentimenti che non riesco ad esprire. Siete stati e siete bravissimi.
-- caterina