Da oggi una preziosa perla arricchisce il Giardino degli Angeli.

 

Un'antica voliera che abbiamo trovato e ristrutturato, ora fa parte di una ambientazione del Giardino Segreto.


Il protagonista del libro e del film a cui è ispirato, è il Pettirosso e abbiamo pensato a lui quando si è deciso dove fare l'installazione.

Ora la "sua" casa fa bella mostra di sè tra piante erbacee perenni, iris e blocchi di granito... e la porta rimarrà sempre aperta, pronta ad accogliere lui e altri ospiti lasciandoli liberi di riprendere il volo quando vogliono, dove vogliono.

 

In questo ci ha ispirato una poesia di Emily Dickinson che troverete nei pressi della voliera:
" Non sapendo quando l'alba possa venire
lascio aperta ogni porta,
che abbia ali come un uccello
oppure onde, come spiaggia".

 

Un motivo in più per venire a visitare questo Giardino ricco di sorprese...

 

foto di Leonardo Piol

 

Sabato scorso una carissima amica mi ha portato al Vostro "Giardino", nonostante non fosse la stagione più propizia (febbraio è avaro di fiori ... soltanto il calicanto mi ha strizzato l'occhio ... e il naso!!!). Mi ci ha portato proprio perché in quel Giardino si respira Amore molto più che la morte, e voleva farmene partecipe.

Non posso che ringraziare di simile testimonianza: in una civiltà che pensa soltanto a correre, tra notiziari che informano soltanto di negatività, un'isola per pensare, ricordare, imparare l'Amore è esattamente quel che occorre! Ringrazio soprattutto a nome delle giovani generazioni, che finalmente possono trovare proposte positive, ed educarsi a quanto di profondo ed eterno l'animo umano può far vivere.

Giardino spoglio, ma ... "l'importante è invisibile agli occhi", come dice st. Exupéry nel "Piccolo Principe. E quel che è importante per tutti voi si vede benissimo, anche nei rigori invernali!

Grazie, davvero!

-- Alba