Corylus Maxima Purpurea particolare delle foglie.jpg
Nome latino: 
Corylus Maxima "Purpurea"
Famiglia: 
Betulaceae
Caratteristiche generali: 

Questo arbusto  è simile a Corylus Avellana ma più robusta, con foglie più grandi e amenti più lunghi (8-10cm.), le foglie sono di colore porpora scuro.

Coltivazione: 

Deve essere esposto in pieno sole.
Si piantano in autunno o all’inizio della primavera in tutti i terreni ben drenati
Sopporta bene sia le alte che le basse temperature
La propagazione avviene per talea, per seme o per polloni radicali ( il metodo più pratico in quanto pianta pollonifera).
Potatura: eliminare le parti secche o danneggiate, in primavera se necessario ridimensionare la pianta. Drastiche potature di sfoltimento favoriscono una maggiore fruttificazione
 

Uso in cucina: 

E'un frutto molto nutriente
Viene utilizzato per il consumo diretto o destinate all'industria dolciaria, che ne prevede la sgusciatura, la tostatura e l'eliminazione della pellicola che ne ricopre il seme. Spesso è usato in prodotti dolciari a base di cioccolato, per la produzione dei torroni e del gelato. Il dolce più famoso con la nocciola come primo componente è il gianduiotto, un cioccolatino torinese a base di nocciole.
 

Proprietà terapeutiche: 

Le sue foglie contengono i fenoli e i flavonoidi che agiscono sia sul gonfiore sia come tonici delle vene e anche come antiinfiammatori.

Curiosità: 

Il principale produttore di nocciole al mondo è la Turchia.
Il nome dei genere deriva dal greco kóris, elmo, per la forma dell'involucro membranoso che ricopre il frutto e avellana in quanto diffuso, fin da epoca remota, nella zona di Avellino.
Nell'antica Roma si regalavano piante di nocciole per augurare felicità.
L'albero con i suoi frutti sferici è un simbolo della luna.

Tra i greci ed i romani era diffusa la credenza che bastasse un ramo di nocciolo per tener lontane le serpi
Come tutti i frutti racchiusi in una scorza, la nocciola è anche il simbolo della fecondità e della rigenerazione.
 

Zone del Giardino in cui si trova: 
ero spaesata alla ricerca di un volto familiare, qnd una signora dall'espressione più dolce ke abbia mai incrociato mi porge un palloncino, così mi presento col mio nickname "io sono barbara, bimbamorgana" e lei "io sono qui del giardino" ke figura, in più quando aiutandola ad appiccicare il biadesivo alle farfalle x l'albero dei ricordi scopro ke è la mamma di sara :# ..avrei voluto dirle quanto l'ammiravo e abbracciarla forteforte x le emozioni ke ha condiviso con noi e ke ci ha permesso di liberare in quel posto incantato..ma ho recuperato al momento dei saluti, l'ho abbracciata forte ringraziandola, anke se avrei voluto stringerla di più. grazie antonella :)
-- barbara