Iris-Sibirica.jpg
Nome latino: 
Iris Sibirica
Famiglia: 
Iridaceae
Caratteristiche generali: 

Iris di tipo rizomatoso
Le specie rizomatose, si dividono in Iris Barbate (o Pogoniris), Iris Non Barbate (o  Apogon) e Iris Crestate (o Evansia).
Le Iris Non Barbate (Apogon) si dividono in:
• Californicae
• Hexagona
• Levigata
• Sibirica
• Spuria

Pianta rustica che non teme il freddo invernale, anche quando le minime notturne sono molto basse. Altezza 90cm.
Le foglie sono lunghe 45-75 cm e larghe 2-3 cm, di colore verde oliva o scuro, con forma a nastro
Fioritura in maggio-giugno
Fiore lungo e largo 4 cm, azzurro, porpora, bianco, con fauce macchiata, formato da 6 segmenti di cui i 3 inferiori rivolti in basso e i 3 interni eretti
Moltiplicazione: i cespi si dividono ogni 4-5 anni in autunno, quando le foglie sono seccate o in primavera prima che ricominci la crescita. Si tagliano i rizomi in 4-8 porzioni e si ripiantano alla profondità di 2-3 cm.

Coltivazione: 

Pianta adatta per i terreni abbastanza umidi.
Le specie e gli ibridi della sottosezione Sibiricae si piantano dopo l’epoca di fioritura, alla fine dell’autunno, o in aprile.
I rizomi si interrano alla profondità di 2-3 cm, in terreno fertile e umido, in posizione soleggiata.
Crescono bene anche vicino all’acqua, ma non immerse.
Le radici sono molto superficiali, per cui è bene evitare zappettature intorno alle piante per non danneggiarle, si consiglia una pacciamatura con torba per limitare la crescita delle infestanti. Quando lo spazio lo permette, si piantano i rizomi a gruppi, alla distanza di 60 cm. l’uno dall’altro.

 

A tutti gli angeli che ci guardano dal cielo Non mi resta che amarti! Il tempo sembra essersi fermato sull' immagine di te, dolce ricordo eterno. Vivi nel mio cuore, ne fai parte come il mio battito, come il mio respiro. Il tuo ricordo è in me, non mi abbandona! La tua dimora è nella mia mente difesa da muri alti,protetti da spine che graffiano le pareti del mio cuore, lo fanno sanguinare. Il dolore delle spine è sopportabile, la tua assenza,no! Con immenso affetto abbraccio tutti coloro che hanno dovuto salutare per sempre e troppo presto i propri dolci pargoletti e tanti complimenti per il coraggio dimostrato,grazie per avermi reso partecipe!
-- rossella