genista_hispanica.jpg
Genista_hispanica_particolare dei rami.jpg
Nome latino: 
Genista Hispanica
Famiglia: 
Fabaceae o Leguminosae
Caratteristiche generali: 

Il genere Genista è diffuso ampiamente nel bacino del Mediterraneo, dall'Europa meridionale al Medio Oriente al Nord Africa.

Con il nome comune generico di ginestra si indicano molte delle specie appartenenti a questa tribù, in particolare molte di quelle appartenenti ai generi Calycotome, Chamaecytisus, Cytisus, Genista, Spartium ( a cui appartiene quella che comunemente chiamiamo Ginestra) e Ulex.

E’ un arbusto rustico e deciduo.
Portamento cespuglioso-arbustivo, altezza 0,5-1 metro, diametro fino a 2 metri.

Specie molto ramificata e spinosa, con rami eretti verde carico.
Le foglie sono lineari-lanceolate di un colore verde carico..
I fiori , giallo-dorati sono riuniti in racemi terminali lunghi 2,5 cm. , sbocciano in maggio-giugno.
La fioritura è molto abbondante e  conferisce a tutto l’arbusto un colore dorato.
La moltiplicazione avviene per semina a fine inverno-inizio primavera; o per talea semilegnosa in agosto prelevando la talea con piede e facendola radicare in sabbia. Il rinvaso si effettua in primavera ogni 1-2 anni.

Coltivazione: 

Cresce bene in tutti i terreni, ma nei terreni poveri, sabbiosi e secchi si favorisce la fioritura.
Predilige posizioni in pieno sole, ma si adattano bene a qualsiasi condizione.
Necessita raramente di acqua, anzi sopporta molto bene i terreni asciutti, aridi e assolutamente privi di ristagni idrici.
Resiste molto bene sia al caldo che alle basse temperature fino a -15°C.
Va concimata al momento dell’impianto, oppure ogni 2-3 anni, verso la fine dell’inverno. Si interviene con una buona quantità di concime organico (stallatico o humus), in questo modo si fornisce il giusto apporto di nutrienti.
L’impianto va fatto dall’autunno all’inizio primavera in buche concimate con terriccio bagnato.
Le piante adulte non sopportano bene il trapianto.
Non è necessaria una potatura regolare; dopo la fioritura si possono accorciare i rami delle piante giovani per favorire l’infoltimento, o diradare quelli delle piante adulte.
 

Zone del Giardino in cui si trova: 
Cari Antonella e Valerio è sempre un'emozione incontrarvi, passare una giornata tutti insieme, respirare la magica atmosfera del giardino degli angeli! Grazie per la vostra calorosa ospitalità che ci ha fatto dimenticare anche del brutto tempo!! Un immenso abbraccio.
-- Barbara e Antonio