Philadelphus-particolare-dei-fiori.jpg
Nome latino: 
Philadelphus
Famiglia: 
Saxifragraceae
Caratteristiche generali: 

I Philadelphus, comprendono una sessantina di specie, originarie delle fasce temperate della Terra.
Arbusti alti da 1 a 5 metri, hanno fusto rivestito di una corteccia che si sfilaccia in modo caratteristico.
Le foglie sono decidue, opposte, semplici e ovate.
I fiori sono solitari oppure raccolti in leggiadri racemi, pannocchie o cime;  sono molto spesso dotati di un delizioso profumo, che ricorda da vicino quello dei fiori d'arancio.
La corolla è formata da quattro petali, il calice da quattro sepali. Il colore prevalente dei petali è il bianco, talvolta con macchie purpuree alla base.
Epoca di fioritura: fra maggio e giugno.

Al Giardino degli Angeli sono presenti:
P. coronarius, è presente nel nostro Paese allo stato spontaneo, è molto vigoroso.
Può raggiungere l’altezza di 4 m, mediamente 2/3 metri.
Foglie ovato - allungate, lunghe 4 - 8cm.
Fiore semplice, molto profumato, fiorisce in maggio-giugno in bianco, bianco- crema
Ne esistono moltissimi ibridi e varietà, anche con foglie variegate di bianco o do¬rate, con corolle macchiate di porpora, fiori doppi  o con petali frangiati.
Philadelphus 'Belle Etoile: ibrido dalle dimensioni più contenute.
P. 'Virginal': ibrido, fiore a forma di scodella, doppio, di colore bianco, riunito in racemi larghi 5 - 7cm. A crescita lenta.

Moltiplicazione: le specie botaniche si riproducono da seme, interrato in torba soffice. All'inizio le piantine sono minute, ma si sviluppano velocemente, arrivando a fiorire al terzo anno.
Cultivar e ibridi, invece, devono essere moltiplicati mediante talee di legno tenero di 8-12 cm, prelevate all'inizio dell'estate e poste in un miscuglio di torba e sabbia, in un propagatore chiuso. In autunno, dopo la caduta delle foglie si prelevano le talee di legno maturo (20-30 cm), le si mette a dimora in vivaio e le si ripianta un anno dopo.

Coltivazione: 

Sono arbusti molto rustici, sopportando anche i -15/-20 °C, e di facile coltivazione.
Amano la mezz'ombra, ma tollerano bene anche il sole.
Si adattano a qualsiasi tipo di suolo, pur preferendo quelli leggermente alcalini o calcarei. Il drenaggio deve essere perfetto
La stagione più propizia per la messa a dimora è l'autunno, anche se per gli esemplari in vaso è possibile tutto l'anno.

Concimazione: è sufficiente una moderata concimazione a fine inverno, effettuata con stallatico o cornunghia, nel caso di piante deboli e per stimolare la formazione dei rami fioriferi per l'anno successvo può essere utile una concimazione estiva dopo la fioritura.
Potatura: i Philadelphus vanno potati subito dopo la fioritura; poiché fioriscono sui rami dell'anno precedente, bisogna recidere quelli da poco sfioriti, allo scopo di stimolare l'emissione di nuova vegetazione, che sarà produttiva l'anno successivo. E poi necessario ringiovanire gradualmente le piante, eliminando i rami più vecchi.

II « fiore degli angeli » si presta alla formazione di dense e fitte siepi, alla creazione di macchie arbustive oppure serve come esemplare isolato.
La molteplicità dell’impiego viene sottolineata anche dalla possibilità di potare questi arbusti anche in modo drastico, mantenendoli in « forma » compatta; in tal modo, si ottengono siepi di eccezio¬nale robustezza, praticamente impenetrabili.

Curiosità: 

L'etimologia del nome: il termine generico deriva dal greco 'phileo', io amo e 'adelphos', fratello,. Il nome specifico 'coronarius', simile a corona, allude senza dubbio ai numerosi stami.

La scelta di tale nome, che significa« che sente l’amore fraterno », non è ben chiara; alcune spiegazioni possibili potrebbe riferirsi ai molti stami, secondo altri ai numerosi rami che si intrecciano tra di loro, oppure risie¬dere nell’intenso profumo di queste piante, profumo che potrebbe simboleggiare, appunto, la profondità dell’affetto fraterno.
I Philadelphus vengono chiamati anche « fiore del Paradiso », « filadelfo » e « pianta degli zufoli » o « siringa ».
Dai rami di questi arbusti si ricavavano un tempo fischietti e zufoli dalla particolare sonorità.

Zone del Giardino in cui si trova: 
Far nascere la vita dalla morte, dal ricordo doloroso, dalla sofferenza, dal dolore che ti accompagna ogni giorno e che diventa parte di te stesso e che ti accorgi non riuscirai più a farne a meno, mentre il mondo continua a evolvere o a involvere e le stagioni si trasformano e il giorno diventa notte e la notte giorno. E' la scommessa della vita, in fondo: continuare a vivere nonostante la morte che si ha nel cuore o il desiderio inespresso "dell'altra vita felice" così come la chiamano Antonella e Valerio in uno scritto che hanno inviato. Anche io ho perso un figlio,Paolo, uno di questi angeli a cui questi carissimi amici hanno voluto dedicare il giardino ed ora so che in ogni momento, in ogni luogo, dovunque sia, su una panchina di quel giardino qualcuno trascorrerà le sue giornate o le aiuole sboccieranno in primavera o i bambini giocheranno nel prato e la vita continuerà a partorire gioie e dolori, inesorabilmente. Mi avete fatto un grande regalo, oggi, ma non solo a me, lo so per certo; a Paolo, a Sara a tanti altri bambini che come loro hanno combattuto una battaglia troppo grande, ma che non hanno perso. Perchè la morte non vince, mai. Lorella
-- Lorella Daddi Simoncini