Ceanothus-Tyrsiflorus-Repens.jpg
Nome latino: 
Ceanothus Tyrsiflorus Repens
Famiglia: 
Rhamnaceae
Caratteristiche generali: 

Arbusto sempreverde, alto 50 cm e largo 80 cm, crescita rapida e portamento strisciante; foglie ovate, di colore verde bottiglia; fiori in pannocchie, azzurri, in giugno-luglio.
Le specie sempreverdi sono più delicate di quelle a foglia caduca. Tra le specie sempreverdi ricordiamo: il C. arboreus, il C.dentatus ed il C.thrsiflorus che tra queste tre è la specie più resistente.
E' generalmente utilizzato come pianta da giardino e nella formazione di aiuole, bordure o per l'arricchimento cromatico di terrazzi. Può essere messo in vaso, nonostante sia una pianta relativamente grossa, poichè l'apparato radicale è ridotto.
 

Coltivazione: 

Piantare al sole o mezz’ombra, in qualunque terreno ben drenato.
E’ consigliabile ripararlo dal freddo, essendo una specie sempreverde. Per prevenire i danni dovuti al freddo, durante i mesi con temperature minime decisamente rigide, possiamo proteggere gli arbusti, ricoprendo il terreno attorno al fusto con paglia o foglie secche.
Annaffiare solo sporadicamente, circa una volta ogni 2-3 settimane, lasciando il terreno asciutto per un paio di giorni prima di ripetere l'annaffiatura; quando si annaffia si consiglia di evitare gli eccessi, ma di bagnare bene in profondità il terreno.
Gli arbusti durante il periodo primaverile sviluppano nuovi germogli e preparano i fiori, ricordiamo quindi di fornire, già alla fine dell'inverno, una buona dose di humus o di stallatico maturo, oppure del concime granulare a lenta cessione, da aggiungere al terreno ai piedi delle piante. Durante la primavera poi possiamo scegliere un concime ricco in azoto e potassio
 

Malattie Parassiti Avversità: 

Non si segnalano malattie o parassiti particolari. 

L'unica precauzione deve essere quella di non piantarli in terreni eccessivamente calcarei, questi infatti, provocherebbero l'ingiallimento delle foglie. Se il terreno non è adatto, possiamo somministrare prodotti a base di chelati di ferro.

Zone del Giardino in cui si trova: 
Antonella, Valerio e Sara grazie del bellissimo giardino che avete realizzato e soprattutto grazie a Sara che con la sua preziosa vita lo ha ispirato. E' difficile per chi come me e mio marito non ha un luogo dove poter ritrovare i propri figli che purtroppo sono morti ancora prima di nascere. Li abbiamo conosciuti solo nel poco tempo che sono rimasti con noi. Il tuo bellissimo luogo speciale Sara, questo giardino sarà sempre per noi il luogo dei nostri bambini, la sua serenità ci ha aiutati a sentire per la prima volta il loro dolce ricordo e non solo il dolore lacerante della loro assenza. Grazie.
-- Silvia e Enrico