Albero Dei Rosari, Albero Dei Paternostri

Nome latino: 
Melia Azedarach sinonimi: M. australis, M. japonica, M. sempervivens.
Famiglia: 
Meliaceae

Albero deciduo nativo di India, Cina meridionale e Australia.

Undefined
Coltivazione: 

L'albero dei rosari è una specie frugale e rustica.
Necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.
Si adatta ad ogni tipo di suolo, si adatta bene anche a terreni poveri e argillosi. Sopporta suoli con scarsa umidità, con pH di fino a 8, 5; anche la calce ed il sale.
In ogni modo si avvale di condizioni ambientali favorevoli e con clima mite, al riparo da venti e gelate, e su terreni freschi, mostra una notevole vigoria e una spiccata capacità di moltiplicazione emettendo polloni radicali vigorosi. In condizioni favorevoli di umidità e temperatura diventa invasiva comportandosi come infestante in parchi e giardini.
Sopporta molto bene le alte temperature e temperature minime fino a -10ºC
Resiste bene al freddo, all'inquinamento, al vento e tollera lunghi periodi di siccità.
 

Malattie Parassiti Avversità: 

Per le sue proprietà repellenti è praticamente immune da attacchi da parte dei fitofagi.

Proprietà terapeutiche: 

Per le sue proprietà tossicologiche, l'infuso diluito di foglie e corteccia è stato usato, in passato, per indurre il rilassamento dell'utero.

Curiosità: 

In passato il nocciolo dei frutti, duro e sferico, è stato largamente utilizzato nella realizzazione di rosari, prima dell'avvento delle materie plastiche.
I semi sono molto usati anche per costruire braccialetti, orecchini, ed in generale oggettistica e souvenir di ogni genere.
I fiori non attraggono le api e gli altri insetti impollinatori.
La pianta contiene, infatti, principi attivi ad azione repellente nei confronti degli insetti con proprietà simili a quelle dell'azadiractina, erroneamente ritenute insetticide. Le foglie possono essere usate come insettifughe per proteggere derrate o altri materiali.
Non devono assolutamente essere mangiate, perché altamente velenose.
Per le loro proprietà i frutti della Melia sono utilizzati per la preparazione di insetticidi, usati per prevenire i pidocchi e altre infestazioni parassitarie.
 

Zone del Giardino in cui si trova: 
Carissimi Antonella e Valerio, raramente si ha la fortuna di incontrare nella vita persone di tale spessore e sensibilità quali voi siete. Grazie! Non solo di esistere, ma di portare avanti la vostra vita con l'amore di cui siete dotati: un amore che vi ha regalato anche la vostra dolcissima Sara e che avete proiettato nei confronti di chiunque vi abbia conosciuto. Grazie a voi, a Claudia ed Alfredo - e a tutte quelle mamme e papà speciali che ho avuto la fortuna di incontrare domenica - sono consapevole che in questo mondo terribile non esiste solo l'egoismo e l'indifferenza, ma che c'è qualcosa di superiore; quel qualcosa che pochi esseri umani sono in grado di dare e con i quali ho il privilegio di passare il mio tempo. Il giardino da cui ho fatto partire il palloncino del mio cucciolo verso il cielo è un'opera di grandissimo valore morale e civile ed il rifugio di tutti coloro che hanno bisogno di un luogo simbolo dove incontrare il proprio piccino e sentirsi a casa. Grazie dal profondo del mio cuore; con tutto l'amore che è in me per voi. Claudio Mangini
-- Claudio Mangini